Background Image

Rinasce lo storico Caffè dell’Ussero. La scommessa di Jacopo e Lorenzo

I fratelli Tonelli prendono in mano la gestione di uno dei simboli del Lungarno: dopo 43 anni tra futuro e tradizione

Rinasce lo storico Caffè dell’Ussero

Dopo 43 anni lo storico Caffè dell’Ussero cambia gestione, ma la storia non viene cancellata, anzi. L’obiettivo dei nuovi gestori, la famiglia Tonelli che conduce altre attività di caffetteria e ristorazione con la Alfea Srls, è proprio quello di riprendere l’essenza di questo luogo che nei secoli passati fu centrale nella vita culturale cittadina e punto di riferimento per poeti, pensatori, compositori, studenti ed élites.

La famiglia Romani gestisce con successo Lo sdrucciolo, nella Piazza dei Priori a Volterra, e adesso si lancia a Pisa nella nuova impresa di inaugurare una nuova fase per il Caffè dell’Ussero passato di mano dopo 43 anni. “è una impresa – commenta Simonetta Romani, amministratrice delegata di Alfea Srls – , il momento per iniziare una nuova attività non è dei più felici. Ma abbiamo voluto farlo e scommettere sin da ora”. La caffetteria ha riaperto le porte mercoledì; chi entra all’Ussero non troverà più la cordialità del signor Tarcisio Bronte, per più di quarant’anni dietro al bancone. Due giovani, Jacopo e Lorenzo Tonelli, figli di Simonetta, si occupano del locale che, a parte alcuni minimi interventi, manterrà quell’aria vintage ormai familiare e diventa valore affettivo per i molti frequentatori della caffetteria.

“Abbiamo aperto per dare un segnale, ancora timido – spiega Simonetta -, per dire: il Caffè dell’Ussero riparte. In cantiere abbiamo dei progetti. Desideriamo che questo posto torni a essere un punto di riferimento e una caffetteria dove poter acquistare anche cioccolata e vini”. Nella vecchia tabaccheria, sorgerà il punto vendita affiancato alla caffetteria. “Presto avremo anche il laboratorio – conclude Simonetta – dove prepareremo piatti fatti da noi per gradevoli pause pranzo. Insomma, l’Ussero sarà una caffetteria a tutti gli effetti, dove indugiare e soffermarsi”.

Rassegna stampa – Locali storici d’Italia: 27.06.21 LA NAZIONE – PISA