Lutto per la morte di Lorenzo Marcucci, ex insegnante e titolare del ristorante ‘Da Erasmo’

Una malattia lo ha vinto ieri (24 dicembre) all’età di 69 anni


Lorenzo, insegnante in pensione, era il titolare del ristorante di famiglia ‘Da Erasmo’ a Ponte a Moriano assieme alla sorella Maria Paola. Sul ristorante aveva anche scritto un bel libro di storia e ricordi.

A tracciarne un ritratto è l’amico Francolino Bondi, presidente del consiglio comunale di Castelnuovo Garfagnana: “Con Lorenzo – ricorda – avevo da parecchi anni instaurato un bellissimo rapporto di personale amicizia.Da qualche tempo era in lotta con un male cattivo che nella giornata di ieri ha finito per avere il sopravvento sulla sua forte fibra. La notizia della morte di Lorenzo mi ha gettato nel più profondo sconforto. Il mio pensiero va alla famiglia: alla moglie, ai figli, alla nipotina, alla carissima sorella Paola col marito e alla sua anziana lucidissima mamma distrutta dal dolore. A tutti le mie più sentite condoglianze, il mio affetto, la mia vicinanza”.

“Sapevo da tempo – commenta Umberto Sereni, storico ed ex sindaco di Barga – che il caro amico Lorenzo Marcucci combatteva contro un male insidioso al quale le cure non sembravano trovare rimedio . L’avevo incontrato questa estate quando, insieme ad alcuni amici, avevo fatto un’escursione gastronomica nell’accogliente giardino di Erasmo. Da quell’incontro rimasi molto turbato: mi accorsi che Lorenzo non era più quello che conoscevo. Pensai ai giorni che lo attendevano e ne provai una grande tristezza“.  “Adesso che la sua pena è conclusa – dice Sereni – voglio salutarlo con affetto e ricordarlo per quella gran brava persona che era. Era un uomo buono e la sua bontà la dimostrava con naturalezza in ogni suo gesto. Per anni, insieme ad una compagnia di amici , il cui numero si è ormai assottigliato, ho frequentato la cucina di Erasmo ed a quella compagnia (Roberto Mannocci, Carlo Rapuzzi, Marilena e Renato Piccinini  il dottor Umberto Del Frate, Paolo Pergola, sono i nomi di quelli che non ci sono più) avevamo associato anche Lorenzo, al quale io torinista perdonavo anche il fatto di essere juventino. Sapere che non lo troveremo più ad attenderci al ristorante dove ci accoglieva con un dolce sorriso e qualche buona parola mette una grande tristezza. Ai suoi cari vorrei la testimonianza della condivisione del dolore che stanno vivendo.”

Condoglianze anche dall’Accademia del farro, nata all’interno dell’istituto Pertini più di 30 anni fa. Il presidente, professor Giorgio Cricco, a nome dei 17 componenti lo ricorda così: “Gli amici fraterni dell’Accademia del Farro, di cui Lorenzo Marcucci era membro insostituibile, lo ricordano con allibito dolore, ancora e per sempre fra loro”.

Locali storici d’Italia – Rassegna stampa : 25/12/21 LUCCAINDIRETTA