Background Image

Il Certosino o Panspeziale

Accanto ai celeberrimi tortellini prodotti dal 1880 e sempre presentati nelle scatole d’epoca con tanto di “istruzioni per l’uso” e poemetto, Atti vanta la produzione di un’altra storica golosità bolognese: il Certosino o Panspeziale, tradizionale dolce nato quasi certamente nel Medioevo per celebrare le festività di fine anno.

La ricetta di questa specialità, come quella di altri prodotti tipici petroniani omologati con atto notarile custodito presso la Camera di Commercio di Bologna, è quella che è stata depositata dalla delegazione di Bologna dell’Accademia Italiana della Cucina il 23 giugno 2003, dopo approfonditi studi su origini e storia di questo dolce.

Si dice che la ricetta fosse custodita dai monaci della Certosa; veniva poi confezionato dall’arte degli speziali, che erano i farmacisti dell’epoca, che preparavano medicine, profumi, essenze e, spesso, anche dolci.

Il Certosino è una sorpresa di sapori: miele, frutta candita, frutta cotta, marmellata o mostarda, mandorle e pinoli sgusciati, cacao in polvere, cioccolato fondente, cannella e sciroppo di vino.
Atti lo produce tutto l’anno e lo spedisce in tutto il mondo, confezionato ancora oggi nella stessa elegante scatola Liberty in cui lo vendeva già negli Anni Venti.
Nella foto: la titolare Annamaria Bonaga Atti mostra con orgoglio la storica confezione stile Liberty del Certosino.

Locale Storico correlato

Atti interno

Le gastronomie italiane sfidano il delivery food e conquistano anche le capitali europee

Atti interni

EVENTO PER I 150 ANNI DELLA PASTICCERIA ATTI BOLOGNA