Background Image

Covid a Bergamo, il Caffè del Tasso cita Totti e fa ironia sulla chiusura di Pasqua: «Speravo de riaprì prima»

La scritta comparsa accanto al menù per l’asporto dello storico locale di Piazza Vecchia fa il verso alla serie televisiva dedicata all’ex capitano della Roma

Covid a Bergamo, il Caffè del Tasso cita Totti e fa ironia sulla chiusura di Pasqua: «Speravo de riaprì prima»

La scritta esposta fuori dal locale di Piazza Vecchia

Il tono è scherzoso, ma non troppo. Marcello Menalli del Caffè del Tasso, non perde il sorriso mentre indica la scritta che ha accompagnato le aperture (con solo asporto) dello storico locale in Piazza Vecchia. L’umorismo della scritta «Speravo de riaprì prima», fa il verso alla serie tv che racconta le vicissitudini di Francesco Totti: «Speravo de morì prima» (scritta apparsa su uno striscione il giorno in cui il capitano giallorosso ha lasciato per sempre il calcio giocato e la sua amatissima Roma). Per i tifosi un colpo durissimo, tanto appunto da augurarsi una morte prematura proprio per evitare il dolore dell’addio dell’ottavo re di Roma. Per le centinaia di migliaia di esercenti, «speravo de riaprì prima» è rimasto solo un auspicio irrealizzato in un fine settimana che ha regalato anche condizioni meteo favorevolissime.

«Per anni e anni il giorno di Pasqua e Pasquetta ha sempre piovuto — il laconico commento del fratello di Marcello, Massimo — mentre sia quest’anno che lo scorso, le vacanze pasquali sono state contrassegnate da un bellissimo tempo. Noi, che a causa dell’esercizio, non abbiamo mai potuto trascorrere le festività in famiglia, abbiamo trascorso la giornata a casa. Felici? Sì — conclude con tono ironico Massimo — come Pasque»

Rassegna stampa – Locali storici d’Italia : 7/04/21 Corriere della Sera /Bergamo – Cronaca